Metodologie Traumph per le Aziende

Data pubblicazione: 5 novembre 2018
Metodologie Traumph per le Aziende

La metodologia Traumph per le Aziende (indoor e outdoor) si caratterizza per l’utilizzo di strumenti formativi innovativi che coinvolgono sia da un punto di vista cognitivo che emotivo.

Per raggiungere questo obiettivo i nostri corsi partono dalla consapevolezza che chi partecipa ad una esperienza formativa ha la necessità di:

  • integrare i diversi livelli di apprendimento in modi assolutamente personali;
  • scambiare e utilizzare l’esperienza propria e di altri;
  • trovare un legame significativo tra il cambiamento proposto e le motivazioni personali (le emozioni, i timori, i desideri);
  • comprendere il legame tra l’apprendimento con la possibilità di trasferirlo-applicarlo alla propria realtà

Per queste ragioni la metodologia che viene utilizzata in aula non è rivolta a fornire modelli precostituiti (al di là della presentazione di modelli teorici a cui poter fare riferimento e sui quali confrontarsi), quanto a proporre alternative concrete di comportamento e potenziare nelle persone le competenze possedute a partire dalle proprie risorse in modo coerente con le responsabilità professionali assegnate.

Attraverso l’utilizzo degli strumenti offerti in aula, i nostri partecipanti vengono coinvolti sulle dimensioni

  • cognitive, ciò che so, quel che penso e come penso
  • esperienziali, ciò che so fare e ho imparato ad agire
  • emotive, ciò che sento e perché
  • motivazionali, ciò che ha senso per me

La metodologia Traumph considera la relazione e lo scambio all’interno del gruppo dei partecipanti, come risorsa fondamentale attraverso cui sviluppare l’apprendimento nel corso del lavoro formativo.

Si offre grande spazio, quindi, nel far vivere ai partecipanti esperienze concrete con cui confrontarsi attivamente per poi analizzare i comportamenti agiti in termini di aree di forza e aree di debolezza.

Si procede in seguito ad offrire razionalizzazioni, concettualizzazioni ed approcci teorico-pratici di riferimento che porteranno alla pianificazione delle azioni da implementare nelle situazioni successive e/o nelle situazioni concrete reali, verificandone l’immediata efficacia nell’utilizzo.

In tale maniera gli strumenti offerti in aula potranno chiaramente esser letti in chiave metaforica ed offrire immediate ipotesi di soluzioni/alternative da mettere in pratica nell’immediato.

I partecipanti sono quindi guidati verso un lavoro nel quale l’acquisizione dei contenuti e delle competenze avviene nel costante dialogo con la propria realtà organizzativa e con le proprie qualità e caratteristiche personali.

Gli strumenti formativi che utilizziamo in aula:

  • role-play, ovvero giochi di ruolo in cui mettere alla prova capacità e competenze, sapendo soprattutto ri-conoscere il proprio gap di apprendimento possibile
  • analisi di casi, che consentono di approfondire modalità di lavoro e di interpretazione
  • esercitazioni individuali e di gruppo basate sulla realtà professionale o sui processi a cui si partecipa nel lavoro
  • test e questionari di autovalutazione, che aiutano i partecipanti nel conoscere e valutare le proprie caratteristiche e competenze professionali
  • filmati
  • strumenti di verifica del proprio apprendimento e di miglioramento continuo.