Metodologie per la lingua Inglese

Data pubblicazione: 9 luglio 2018
Metodologie per la lingua Inglese

Di modi e metodi per insegnare l’inglese ce ne sono per tutti i gusti, le esigenze e le mode del momento.

Noi siamo tra coloro che hanno scelto di non sposare un unico metodo ma, conoscendo le tecniche e le caratteristiche di ciascuno, abbiamo scelto quelle che più si avvicinano alla nostra idea di metodo.

L’approccio traduttivo, da sempre utilizzato per insegnare le lingue straniere (a partire dalle classiche greca e latina), è estremamente utile (quasi esclusivamente) per chi voglia intraprendere la carriera di interprete e traduttore, ma altrettanto sterile e noioso per chi non abbia una specifica passione per l’aspetto intellettuale della lingua.

Allo stesso modo, incentrare l’insegnamento della lingua inglese prediligendo esclusivamente uno specifico ambito (grammaticale, audio, orale) presenta gli stessi limiti, ovvero ingabbia lo studente in rigide strutture di apprendimento che non agevolano un uso disinvolto della lingua scritta e parlata.

Alla base del nostro metodo per insegnare la lingua inglese che, come nelle Metodologie e Strategie di Studio, si fonda sull’induzione e la deduzione, ci sono i ragazzi, ognuno con la sua personalità. Non sono loro a doversi adattare a un metodo di insegnamento preconfezionato, ma viceversa.

Per questo

  • la grammatica la insegniamo leggendo un libro
  • la comprensione della lingua inglese la esercitiamo ascoltando canzoni
  • a parlare ci sciogliamo recitando
  • la pronuncia la studiamo con l’alfabeto fonetico
  • … e lo spelling con l’intramontabile giochino dell’impiccato!